mercoledì 8 dicembre 2010

Il fiore Sweet Chestnut




La signora Italia, è tra i miei ospiti, la persona che sta soffrendo maggiormente e sono sollevata nel vederle tra le mani il fiore del castagno dolce.

“Io sono il fiore Sweet Chestnut, sono qui per asciugare le tue lacrime” le sussura il fiore “io sono di aiuto in quei momenti in cui si è colti da una angoscia grande ed insopportabile, quando si pensa di non farcela più, quando dinnanzi si avverte solo distruzione e annientamento”.

La mia dolce signora sta piangendo copiosamente, consolata dal Fiore che continua a parlarle, “lo so, senti di aver raggiunto il limite della sopportazione, mio piccolo uccellino smarrito nel buio della notte nera.
Non temere Italia, presto tornerai a risorgere dalle tue ceneri”.

“Mi sento con un paracadutista che ha tirato invano la cordicella del paracadute, sono sola, sospesa fra la terra ed il cielo”, dice Italia tra i singhiozzi.





“Dio non si è dimenticato di te! Ti aiuterò a trovare un senso ed un piano superiore nel dolore che ora stai vivendo. Insieme illuiminero la fine del tunnel”.

Sono certa che l’essenza del fiore Sweet Chestnut sarà una carezza ed un sostegno quotidiano nella vita di Italia, e mi sento soddisfatta del mio lavoro e della FAVOLA che ho scritto per lei.
Perché le favole che la rana sta consegnando parlano all’anima, proprio come il fanno i Fiori che sono qui con noi.



…Continua...


Copyright © Claudia Brunetti
Tutti i diritti riservati. E' consentito l'uso e la distribuzione di questo testo in forma gratuita e non commerciale esclusivamente con il consenso scritto da parte dell'autore

Nessun commento:

Posta un commento