martedì 23 novembre 2010

Il fiore Crab Apple





La mia cara cugina Simona sarà molto a disagio, catapultata in un posto pieno di terra e polvere e per giunta con un fiore in mano!

“Io sono Crab Apple, il fiore di chi si sente impuro nel corpo e nell’anima” dice il fiore del melo selvatico, tra le mani un po’ schifiltose di mia cugina,

io prendo per mano tutte le persone, come te, che in maniera un po’ ossessiva tentano di costruire intorno a sé un mondo ordinatissmo e pulitissmo. Tu stessa sei giunta a livelli di maniacalità che dall’esterno sembrano incomprensibili e ridicoli”.





“Io?” sento dire da Simona che si passa il fiore da una mano all’altra e, sono certa, si sta chiedendo se in questo posto sperduto ci sia modo di comprare dell’amuchina per lavarsi le mani,

“tu, cara amica, che sei tornata indietro per esserti ricordata di aver lasciato in disordine dei vestiti nella tua camera, tu che non riesci a lavorare una pratica se fogli e penne non sono ben allineati sulla tua scrivani, tu che hai fatto rifare un intero pavimento, quando ti sei accorta che una piastrella non era ben allineata con le altre…. Tu che sei ossessionata dall’ordine e dalla pulizia, che ti lavi in continuazione, hai il terrore della terra, dei bambini che portano batteri, e soprattutto che fai di un brufolo sul tuo viso una tragedia terrificante…devo continuare?”

La mia povera cugina tace, senza saper cosa dire, “Io sono il fiore che purifica e aiuta a vivere in armonia con se stessi e con la propria immagine e la mia essenza ti ricorderà la purezza della tua anima e del tuo corpo che ne è un riflesso”.


CCCCCRRRRRAAAAA CCCRRAAAA
Chissà se Simona dovrà trattenere il suo disgusto per la rana sputastorie o se le parole del fiore Crab Apple sono già arrivate a segno.




…Continua...


Copyright © Claudia Brunetti
Tutti i diritti riservati. E' consentito l'uso e la distribuzione di questo testo in forma gratuita e non commerciale esclusivamente con il consenso scritto da parte dell'autore

Nessun commento:

Posta un commento