lunedì 1 novembre 2010

Il fiore Centaury





Il dolce Moris sempre preoccupato di far piacere a qualcuno sta parlando già da un po’ con il fiore Centaury che tiene tra le mani.

“Amico mio” gli dice il fiore rosa che cresce nei prati e ai margini dei campi, capace di diventare invisibile e difficile da distinguerre dall’erba che lo circorda, “la tua lezione è quella di imparare a manifestare autodeterminazione e forza di volontà. Io sono Centaury, il fiore per le persone che difficilmente dicono di no e finiscono col farsi dominare o intimidire dagli altri, perdendo di vista la loro missione”.

“A me piace essere di aiuto” dice Moris con un filo di voce, quasi volesse scusarsi;

“è nella tua natura, Moris ma spesso finisci col negare i tuoi desideri e le tue vocazioni pur di non scontrarti con qualcuno. E' da una vita che fai anche quello di cui non avresti voglia per accontentare chi te lo ha chiesto.

Io sono qui per ricordarti che i primi desideri di cui devi tener conto sono i tuoi e che puoi serenamente esprimere e difendere le tue opinioni, perché nessuno ti priverà dell’amore che ti meriti”.

Anche Centaury appende al collo di Moris l’acqua con la sua essenza ed insieme alla rana gli inizia a raccontare la FAVOLA del genio della ampolla che ha trovato se stesso dicendo un ‘no’.




Io ed il dottor Aggiustastorie ci gustiamo la scena ed entrambi siamo felici perché sappiamo che i semi che stiamo regalando ai nostri amici porteranno i loro frutti.













... Continua...



Copyright © Claudia Brunetti
Tutti i diritti riservati. E' consentito l'uso e la distribuzione di questo testo in forma gratuita e non commerciale esclusivamente con il consenso scritto da parte dell'autore

Nessun commento:

Posta un commento